Cosa sono il flusso luminoso e l'intensità luminosa?

Per poter scegliere l’apparecchio più adatto in base all’ambiente che si vuole illuminare, è necessario tenere conto delle due variabili che caratterizzano il LED: il flusso e l’intensità luminosa.

Da un lato, il flusso luminoso è noto come percezione della potenza luminosa generata da un raggio luminoso in uno spazio in generale, essendo questa la quantità di energia che lascia la sorgente luminosa convertita in radiazione visibile. Si intende la quantità di luce, espressa in lumen (lm), che un riflettore irradia in un secondo.

Tuttavia, esiste una stretta relazione tra lumen e watt (W), quindi a volte possiamo trovare il valore espresso in lumen per watt (lm/W). È importante sapere che il rapporto tra lumen e watt è positivo. Più watt per articolo, più lumen deve avere l’apparecchio per sfruttare al meglio la sua capacità. Da notare che i watt non sono altro che la quantità di energia consumata dal LED in un’ora, quindi il simbolo (lm/W) indicherà l’efficienza luminosa in base al consumo del LED.

Una cosa da tenere a mente è che il flusso luminoso di un LED dura fino al termine della sua vita utile. Cioè, l’intensità del flusso luminoso è la stessa per tutta la sua vita utile. Allo stesso modo, il lumen è una figura che ci avverte della capacità illuminante che il LED può offrire, il che facilita la decisione della posizione. La quantità di luce di cui ha bisogno uno spazio dipenderà sempre da ciò che vogliamo illuminare, dall’intensità con cui vogliamo farlo e dalla posizione del punto luce rispetto all’architettura dello spazio e dei suoi elementi, questioni essenziali per massimizzare le prestazioni di qualsiasi lampada. In questo caso, il valore lux (lx) misura la quantità di luce o flusso luminoso che cade su una superficie. Questo valore varierà a seconda della distanza da cui stiamo illuminando questa superficie: l’oggetto illuminato più vicino al fuoco otterrà una quantità di luce maggiore rispetto a quelli più lontani.

Parliamo invece di intensità luminosa per riferirci alla potenza della luce evocata verso una certa direzione, a livelli esatti. L’intensità luminosa è espressa in candele (cd) e rappresenta il rapporto tra lumen e angolo di luce. Questo valore è utile, poiché normalmente i progetti non sono studiati con la luce irradiata in tutte le direzioni, ma selezioniamo un prodotto o un altro per dirigere la luce verso un punto per creare l’effetto luminoso e l’atmosfera desiderata.

In questo modo, l’intensità della luce varierà in base al fascio luminoso della sorgente luminosa. Un raggio di luce più focalizzato fornisce una maggiore intensità ed è ideale per evidenziare i punti di interesse in uno spazio. Allo stesso modo un fascio di luce più aperto sarà l’ideale per l’illuminazione generale. Per questi motivi, maggiore è la distanza tra il fuoco e lo spazio da illuminare, più lumen dovrebbe avere l’apparecchio.

Vediamo di seguito un esempio con le nostre cappe industriali Ufo Lens da 100W, 150W, 200W e 300W di potenza, dove viene esemplificato come tutti i valori precedenti siano correlati tra loro. Vediamo come la quantità di luce che raggiunge la superficie (lx) cambia a seconda della potenza dell’apparecchio (W), della distanza da cui viene emessa la luce (m) e anche del fascio luminoso (60º, 90º, 110º e 120º ):

In breve, un modo per capire come la luce influisca sul risultato finale è attraverso uno studio che parametrizzi gli effetti e la distribuzione dei raggi luminosi in uno spazio. Ebbene, la luce irradiata non è uniforme, né ha la stessa intensità per tutti gli angoli. Progettiamo questi studi illuminotecnici presso Beneito Faure con software specializzati per la generazione di calcoli illuminotecnici e immagini tridimensionali. In questo modo il cliente può prevedere come sarà realmente il suo progetto, prima di sovraccaricarlo e generare spese inutili.

Torna su